Val Rendena e Imposta di Soggiorno l’ingiusto balzello

0 voti
image_pdfimage_print

Val Rendena e Imposta di Soggiorno. Ieri Riunione partecipata con scandalosa assenza dell’Assessore. Si apra subito un tavolo di confronto. Congelando nel frattempo l’ingiusto raddoppio della tassa da corrispondersi anche sugli alloggi sfitti! 

Cons. Claudio Civettini   

 

Val Rendena e Imposta di Soggiorno l’ingiusto balzelloVal Rendena e Imposta di Soggiorno. Ieri Riunione partecipata con scandalosa assenza dell’Assessore. Si apra subito un tavolo di confronto.  Congelando nel frattempo l’ingiusto raddoppio della tassa da corrispondersi anche sugli alloggi sfitti! 

Come annunciato, mercoledì sera c’è stata la riunione organizzata dalla Comunità di Valle e dai Sindaci della Val Rendena relativamente alla protesta che ha creato un comunicato spontaneo che si chiama “No tassa ingiusta”. Una presenza massiccia, di oltre 300 persone le quali hanno sostanzialmente sottolineato l’incongruità di una tassa che, comunque la si definisca, è nei fatti una patrimoniale. E che vede il dover corrispondere 50 euro a posto letto per tutti gli appartamenti affittati in quella valle.

Ora, oltre ad aver notato parecchie incongruenze sui numeri illustrati e palesi distinzioni tra i proprietari di appartamenti residenti in Trentino e fuori Trentino – che per l’impossibilità reale di controllo probabilmente sfuggono in grandissima parte alla legge specifica -, c’è da dire che la scena vista ieri è che tutti, dal Presidente dell’APT a gran parte dei Sindaci e a tutti i gli illustratori dell’incontro, si dichiaravano contrari a quello che è stato deciso perciò il raddoppio da 25 a 50 euro dell’imposta locale di soggiorno per ogni posto letto.

E’ emersa così in modo chiaro l’ingiustizia non tanto per la tassa in sé, ma per un raddoppio addirittura del balzello che incide in modo notevole a prescindere – va sottolineato – che il posto letto si affitti o meno, perché il soggetto passivo con cui la legge ha indentificato il contribuente è colui che è il proprietario dell’appartamento e non tanto, come succede giustamente per gli alberghi, il turista che dovesse farne uso. In modo chiaro, al di là dei tecnicismi, è altresì emersa la necessità della creazione di un tavolo volto alla modificazione della legge stessa al fine di predisporre una norma che fissi in modo chiaro, oltre ai limiti, anche i percorsi di controllo del balzello stesso.

Quello che è parsa effettivamente scandalosa, nell’incontro di ieri, è stata l’assenza dell’Assessore provinciale di merito poiché il funzionario della Provincia presente ha ben svolto il suo ruolo tecnico, ma è evidente come la questione richieda anche se non soprattutto risposte politiche. Un altro punto che è emerso è l’incongruenza tra le risposte dell’Assessore provinciale ieri assente rispetto alle responsabilità di questo raddoppio di imposta, che sono state imputate all’APT e ai Sindaci, con la Provincia perciò quasi come soggetto passivo a ratificare tali scelte.

In realtà, però, ieri è emerso esattamente l’opposto con l’APT e i Sindaci messi nelle condizioni di non fare alcuna scelta, e questo è un passaggio politico decisamente molto grave, facendo anche presente che comunque l’APT svolte comunque un ruolo indispensabile e molto importante, anche perché rappresenta tutte le categorie e proprio nell’armonia di tutte le categorie c’è la possibilità di trovare le soluzioni più giuste, adeguate e congrue che non siano punitive per nessuno.

E a fronte di ciò, oltre ad impegnarci a presentare una proposta di legge, si ribadisce l’importanza del fatto che il succitato tavolo di lavoro abbia corso immediatamente magari ricorrendo ad un congelamento dell’aumento, facendo così ritorno alla situazione precedente dei 25 euro per posto letto, dando così ristoro alle giuste proteste dei proprietari di appartamenti che come ben sappiamo non sono in conflitto con sistema alberghiero locale ma hanno per una serie motivi una complementarietà col sistema turistico della Val Rendena.

 

   Cons Cluadio Civettini
   Lista Civica Trentina
       (07/04/2017)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini