Incontro dei poeti a Sant’Andrea di Conza

13 votes
image_pdfimage_print

Incontro dei poeti per “Le giornate fariane” in Irpinia, a Sant’ Andrea di Conza, il “Luogo della parola” con Fara Editore,  Rimini, di Alessandro Ramberti. I poeti voci silenziose, testimoni del tempo.
di Michele Luongo

 

sant-andrea-di-conza-giornate-fariane-by-luongo
Sant’Andrea di Conza

Non potendo partecipare, vorrei ringraziare gli organizzatori per l’interessante iniziativa di una kermesse fariana a Sant’Andrea di Conza, in Irpinia, la mia terra d’origine, terra dalle mille sfumature, di scorci unici, terra di sudori, terra che racconta le sue verdi colline e sugli altopiani il vento danza con i ricordi e la speranza. Vi prego di far giungere il mio semplice saluto a tutti i convenuti, con un breve intervento.

“ Il luogo della parola” nell’espressione delle Arti ha un significato di assoluta importanza, ogni parola ha un suo valore, proprio per questo la sua espressione va calibrata, equilibrata, misurata, per non disperderne la sua intensa capacità. In questi ultimi decenni, invece, non stiamo facendo altro che lasciare questa ricchezza, un vuoto di cui una certa dirigenza politica ha trovato terreno fertile per il mercato delle promesse. La “parola” è senso di responsabilità, quando non è vera, offende, da qualsiasi parte giunge.

Il poeta è testimone del tempo, scrive il fascino dell’essenza dell’amore, la tristezza del cuore, l’amarezza della società, ma soprattutto scrive perché “dentro” è una persona libera, solo cosi la sua voce è vita, è Poesia, e il suo sguardo si distende verso nuovi orizzonti, diversamente è solo uno dei tanti giullari della corte di turno.

La Poesia è silenziosa, ma il suo canto vive nelle menti, e quando l’essere umano ha modo della riflessione, questo disturba il potere sia esso economico sia politico, restringe la loro forza di manovra.

Ecco che il poeta diviene guardiano della società, capace di sciogliere quella morsa, e ridare voce e valore all’individuo, fuori dal gioco del consumismo e della globalizzazione che non sempre è cosa buona.

Quindi “Il luogo della parola” può assumere molti significati, molte tonalità che possono portare ai dibattiti, al confronto o semplicemente alle emozioni del meraviglioso mondo della Poesia. 

 Auguro un buon incontro.

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (07/03/2015)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini