Tenuta Novare primi due vini della linea Bertani Cru

13 votes
image_pdfimage_print

Valpolicella, Tenuta Novare, dalla ricerca, dallo studio della composizione del suolo e l’evolversi di vigneti dedicati, nasce la nuova linea Bertani Cru: Ognisanti e Le Miniere, il fil rouge l’inconfondibile stile Bertani.
di Michele Luongo 

Tenuta Novare primi due vini della linea Bertani CruTenuta Novare ad Arbizzano di Negrar, nel cuore della Valpolicella Classica, mercoledì 18 settembre, l’enologo e direttore operativo Andrea Lonardi e l’amministratore delegato Emilio Pedron, di Bertani Domains, con il proprio staff, hanno accolto la stampa specializzata per la presentazione della nuova linea di vini i Bertani Cru.

Tenuta Novare, ha una propria e ricca storia, una comunità rurale con fattorie e chiesette, mezzadri per la coltivazione, all’epoca, di circa 265 ettari di campi, su una superficie che si distende dai 120 ai 350 metri s.l.m., con boschi, miniere di ferro, e sorgenti, qui ha origine l’acquedotto romano che raggiunge Verona.

Andrea Lonardi, ci ha raccontato lo studio e la ricerca svolta da ben quattro anni, affiancati da enti, selezionando i vigneti che dalla specificità del suolo possono avere la massima espressività, ponendo a centro la Corvina, un vitigno autoctono che caratterizza il territorio della Valpolicella, sdoganandolo dallo standard del puro appassimento.

Un ricerca toccata con mano, visitando la Tenuta, una eterogeneità di 220 ettari, si è potuto constatare la diversità del suolo, dalle argille del fondovalle, a quelli calcari con breccioline ricche di ferro ( ben visibile l’esistenza di una miniera di ferro-manganesifera ), e basalti di origine vulcanica, dello scorrere delle acque, limpide, le macchie boschive, la flora, la fauna, la cura e il rispetto dell’insieme del paesaggio, che con la sapienza dell’uomo consente di potere realizzare vini di alta qualità che contraddistinguono da sempre l’azienda Bertani.

Tenuta Novare primi due vini della linea Bertani CruBertani non è solo una filosofia per la qualità, ma anche di attenzione e salvaguardia ambientale, di rapporti con la comunità, infatti, la Tenuta Novare è una tenuta aperta, è possibile passeggiare, percorrere i sentieri e godere del fascino della natura.

Nella sala restaurata della chiesetta Ognisanti con affreschi del XV secolo, sempre all’interno della tenuta posta su una collinetta circondata dai vigneti, si è tenuto l’incontro di presentazione dei primi due vini della nuova linea Bertani Cru: Ognisanti e Le Miniere, il moderatore Luciano Ferraro, caporedattore del Corriere delle Sera, ha sollecitato un felice e interessante dibattito con i presenti.

L’enologo e direttore operativo Andrea Lonardi, ne ha guidato la degustazione. Su ogni postazione abbiamo trovato tre piccole foglie di ceramica bianca contenenti tre chicchi d’uva Corvina, ognuna diversa per provenienza di vigneto e del rispettivo suolo: alluvionale, minerale calcare, calcare, quindi un uva più sciolta poco tannica, un uva croccante, un uva più dolce e con più tannini.

La degustazione: “Le Miniere” di Novare, Valpolicella Classico, 2018, Bertani Cru, da vigneto composto da due terrazze, posto al di sopra del cunicolo delle miniere di novare, 70% Corvina, 20% Corvinone, 10% Rondinella, ha bell’aroma di frutta fresca, ciliegia, mora, frutti di bosco, è ottima sapidità, e una piacevole freschezza con una lunga persistenza.

Tenuta Novare primi due vini della linea Bertani Cru“Ognisanti” di Novare, Valpolicella Classico Superiore, 2017, Bertani Cru, da vigneto composto da otto terrazze poste proprio a monte della chiesetta Ognisanti, da qui il nome. 95% Corvina Veronese (selezione massale Novare) 5% Rondinella, sentori di ciliegia, marasca, fiori bianchi, pepe nero, e note balsamiche, ha equilibrio e un ottima struttura tannica, un vino elegante e di carattere.

Se il fine dell’Enologo e Direttore Operativo Andrea Lonardi e dell’Amministratore Delegato Emilio Pedron, di Bertani Domains, era quello di dare il giusto valore e di evidenziare la riconoscibilità del terroir, ebbene con i primi due vini della nuova linea Bertani Cru: Ognisanti e Le Miniere ci sono più che riusciti, nel calice abbiamo sentito proprio il territorio e il suo racconto, dalla terra al piacere del sorseggiare.

Bertani Cru, vini moderni per freschezza, purezza e piacevolezza, significativi e coerenti nel fil rouge dell’inconfondibile stile Bertani, la qualità. Una cultura enoica che si pone come esempio per le nuove frontiere del mondo vitivinicolo.
(  www.bertanidomains.com   –  www.bertani.net  )

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (24/09/2019)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini