Il Pisco è puro mosto d’uva

0 voti
image_pdfimage_print

Il Pisco è probabilmente uno dei distillati d’uva più raffinato al mondo, un distillato pieno di gusto, aroma e corpo con un’apparenza chiara e trasparente. Il suo processo di produzione, da acino d’uva a distillato finito segue metodi tradizionali che sono rimasti invariati dal XVI secolo.
Redazione

 

 

Il Pisco è puro mosto d'uvaIl Pisco è puro mosto d’uva, distillato goccia dopo goccia, con quattro secoli di storia ed una tradizione che si è tramandata di generazione in generazione. Nessun dubbio sull’origine, è peruviano. 

La parola “Pisco” in quechua significa “uccello”. Già durante l’epoca pre colombiana, vi erano numerose specie di uccelli che s’innalzavano lungo le baie attorno al porto di Pisco, e sui cieli di Ica e Nazca, proprio i luoghi dove per la prima volta fu prodotto il Pisco. Contemporaneamente, “piscos” o “pishcos” erano una casta di esperti vasai nativi della regione di Pisco e Ica che dominarono l’arte di trasformare l’argilla in grosse giare molto simili a quelle che più in là furono chiamate, “pisco Botijas”, o semplicemente “piscos”. 

Il suo processo di produzione, da acino d’uva a distillato finito segue ancora oggi, nonostante qualche tecnica di ammodernamento, metodi tradizionali che sono rimasti invariati dal XVI secolo. La formula è la stessa nella sua semplicità e perfezione, niente di meno che puro mosto d’uva pisquera fermentato e poi distillato che si trasforma in un liquido cristallino e trasparente con uno straordinario aroma e sapore al momento dell’assaggio. 

Il Pisco è probabilmente uno dei distillati d’uva più raffinato al mondo, un distillato pieno di gusto, aroma e corpo con un’apparenza chiara e trasparente. ll pisco nasce esclusivamente da succo puro d’uva fermentato e distillato senza aggiunta di alcun altro ingrediente. 

Pisco Portón è realizzato artigianalmente con metodi di distillazione secolari in combinazione con la nuova tecnologia per creare un Pisco Mosto Verde, che è di qualità superiore e fedele alla tradizione peruviana. Lo spirito bianco ultra premium è prodotto presso Hacienda la Caravedo a Ica, in Perù, che ospita una distilleria all’avanguardia e rispettosa dell’ambiente, ed è la più antica distilleria delle Americhe.

L’uva è l’unico ingrediente, oltre al lievito naturale, usato per fare il pisco. Così, sono le uve che danno al Pisco Portón il suo sapore e la sua struttura. Con la legge peruviana, per essere ufficialmente chiamato pisco, uno spirito deve essere distillato dal vino ottenuto da una o da una miscela di otto varietà di uve designate. Queste uve devono provenire da cinque regioni della valle costiera del Perù: Moquegua, Tacna, Arequipa, Ica e Lima. Pisco Portón è un acholado, o pisco miscelato, ottenuto da uve Quebranta, Albilla e Torontel. 

Pisco Portón utilizza il metodo mosto verde per la produzione del pisco, il che significa che il distillato è ottenuto da mosto (succo d’uva) che non è completamente fermentato. Questo serve a mantenere alcuni degli zuccheri d’uva naturali dalla conversione in alcol, conservando quindi il sapore e l’aroma originali dell’uva. Poiché meno zucchero viene convertito in alcol, per ottenere un litro di pisco si devono usare circa 20 libbre di uva (rispetto a 12 libbre di uva per fare altri piscos). 

I lavoratori raccolgono l’uva a mano tra i mesi di gennaio e aprile, a seconda di quando l’uva matura. Una pressa vescicale viene utilizzata per estrarre delicatamente il succo dalle uve in modo da non schiacciare i gambi e i semi.

Per onorare le tradizioni culturali della vendemmia, alcune delle uve sono ancora schiacciate dai lavoratori di una festa vecchio stile chiamata la vendimia alla quale anche i locali partecipano alla sua rievocazione.

Pisco Portón è distillato a 86 prove usando alambicchi in rame fatti su misura. Il maestro distillatore ha solo una possibilità di rendere ogni partita conforme ai canoni e alla tradizione di distillazione. Secondo la legge peruviana, non è possibile aggiungere acqua al pisco per portarlo a prova.   ( http://www.piscoportonitalia.com )

 

    Redazione
  (22/06/2018)

 

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini