Caffè Dante Bistrot, materia prima di qualità

5 voti
image_pdfimage_print

Caffè Dante Bistrot, materia prima di qualità, tradizione, essenzialità e passione in evoluzione creativa. E il fascino di Piazza dei Signori a Verona.
di Michele Luongo 

Caffè Dante Bistrot, materia prima di qualità
Verona Piazza dei Signori

In una delle piazze più belle ed elegante di Italia, Piazza dei Signori, a Verona, in un naturale palcoscenico di palazzi monumentali scaligeri, qui, il Caffè Dante Bistrot, come in un set della dolce vita, dal 1837, rilascia momenti di fascino unico.

Un locale storico il Caffè Dante Bistrot, che ha saputo essere nel tempo degno testimone di un luogo che ha visto un continuo e crescente successo internazionale. Stile liberty, eleganza discreta, e nel 1865, anno dell’inaugurazione al monumento a Dante Alighieri, il proprietario Luigi Capobianco che aveva dato il suo nome al locale “Caffè Capobianco”, lo cambiò in “Caffè Dante”. Storie in evoluzione ma sempre nel segno della qualità, fino ai giorni nostri, quando la nuova proprietà Tommasi Family Estates, rinomati produttori di vino della Valpolicella, decide di conferire valore alla tradizione con piglio di modernità, così il Caffè Dante Bistrot.

Nel salotto di Piazza dei Signori al Caffè Dante Bistrot, siamo accolti con gentilezza e professionalità. Il locale è arredato con tavoli informali e una saletta con tavoli eleganti, le pareti sono una vera esposizione di vini. Notiamo anche un grande frigo maturatore a vetri, dove bistecche, costate e tagli vari restano a frollare.

Siamo nella bella Stagione e scegliamo il tavolo sulla piazza, è come essere in terrazza, che con le luci della sera diventa uno spettacolo che rilascia immagini di suggestivo glamour. 

“Tartare di Tonno, con verdure croccanti, salsa al miso e miele”, la croccantezza delle verdurine diviene anche elemento di rilancio e dona equilibrio alla portata, bene la carota tagliata fine come una foglia, ne esalta la presentazione

“Spaghetto “Verrigni” con Cozze dell’Adriatico, Datterino in acqua di mare e Pecorino stagionato Dop”, nella semplicità del portata emerge indiscusso il gusto, il piatto fondo ne penalizza la presentazione.

“Polpo e Patate con spuma di patata affumicata, polpo scottato, polvere di Olive Taggiasche e maionese al pomodoro”, perfetta la cottura del polpo e il tocco della patata affumicata, consistenza e sapidità in equilibrio, un ottima portata con slancio creativo. 

Lo chef Alessandro Bozza predilige la materia prima di qualità, dà valore all’essenzialità, ha passione e piglio creativo, il personale spiega le portate, un ottima squadra. Il Caffè Dante Bistrot, e inserito nella Guida Michelin. La prestigiosa rivista americana Wine Spectator, per ben due anni consecutivi gli ha assegna il Riconoscimento di “Best of Award of Excellence 2019″ quale migliore ristorante per i wine lovers.

Il dessert “Mela, Camomilla e Campari, Mousse alla Mela e Camomilla, crumble alla Cannella con Sorbetto al Rabarbaro Zenzero e Campari Bitter”, delizioso, seducente, una piacevole tentazione.

Al Caffè Dante Bistrot di Verona, oltre agli ottimi menù di stagione, sono da non perdere i taglieri di Salumi Dop e le Selezioni dei formaggi di eccellente qualità. 

 

Caffè Dante Bistrot
Piazza dei Signori 2 – 37121, Verona Italia
Tel. +39 045 8000083 – https://www.caffedante.it/  

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (18/11/2019)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini