Degustare Monteverro è un invito all’evoluzione

18 voti
image_pdfimage_print

Degustare Monteverro è un invito all’evoluzione. Weber intuisce la straordinarietà del clima del luogo. Ha lo spirito del pioniere, idee chiare e punta decisamente sulla qualità.

di Michele Luongo

 

Degustare-vini-monteverro-vignetiIn Maremma, a sud della Toscana, alle pendici di Capalbio, si trova l’azienda vinicola Monteverro. Visitarla si rimane senza parole. Curata in ogni dettaglio, nulla è lasciato al caso, la distesa dei vigneti sembra seguire la brezza marina verso le colline. Qui, Georg Weber, imprenditore di Monaco, dopo un’accurata ricerca non escludendo il territorio nientemeno che di Bolgheri, ha scelto il suo angolo di storia. Si, perché quella di Monteverro è una vera grande storia, nata dalla semplice passione e il sogno di produrre dei grandi vini.

Capalbio non era certa terra nota per la viticoltura, Weber intuisce la straordinarietà del clima del luogo. Poi, ha lo spirito del pioniere, ma, soprattutto, ha idee chiare e punta decisamente sulla qualità, si circonda di un team altamente professionale, di consulenti di fama internazionale come Matthieu Taunay, Michel Rolland e Jean Hoefliger. L’investimento è ingente, si decide per le rese bassissime ed è evidente l’obiettivo: fare vini d’eccellenza.

Monteverro-cantina-9-by-luongo-30032016
Cantina Monteverro

La cantina Monteverro, circondata dai vigneti, è un coinvolgente spettacolo paesaggistico, ogni parte di terreno della tenuta per caratteristica ed esposizione ha il suo vitigno: Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Syrah, Grenache, Petit Verdot e Chardonnay. Tutte le fasi di lavorazione sono eseguite con la massima cura, dal campo fino all’affinamento, senza compromessi. Non di meno doveva essere l’interno della cantina, la veduta è semplicemente strabiliante, barrique in rovere francese disposte in più file danno il senso dell’ordine, un’armonia che trasmette la preziosità del contenuto.

Riflesso d’oro per il Monteverro “Chardonnay”, Toscana, IGT, fresco al palato con note di cedro, mela, una bella bocca, elegante. Il “Vermentino” Toscana, IGT, bella sfumatura di verde, ha sapore di agrumi, freschezza, morbido e di ottima acidità. Si passa ai rossi con “Tinata”, IGT, Toscana, note di erbe aromatiche, vellutato, persistente, speziato.  Con “Terra di Monteverro” IGT, Toscana, rosso, un brand di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Petit Verdot, colore rosso rubino intenso, incontriamo sentori di frutta di bosco matura, la morbidezza, l’equilibrio, si lascia piacevolmente bere. Per il “Monteverro” IGT, Toscana, rosso, di colore intenso, quasi nero, note di tartufo, mora, cannella, ciliegia, di ottima struttura e di bella acidità, ventiquattro mesi in barrique di rovere francese, sono il là per un grande vino.

Dietro ogni bottiglia dei vini Monteverro c’è una grande passione, il rispetto per la natura e la serietà professionale che rendono ogni calice Monteverro autentico con un proprio carattere. I vini Monteverro hanno classe e si lasciano invecchiare, sembrano quasi invitarci a degustare la loro evoluzione.

Monteverro
Strada Aurelia Capalbio 11 – I-58011 Capalbio (GR)
Tel: +39 0564 890721  – http://www.monteverro.com/it

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (24/08/2016)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini