Gualdo del Re, vini di qualità e progetto F

4 votes
image_pdfimage_print

Gualdo del Re, vini di qualità e progetto “F”. Dalla Maremma un Super Merlot da collezionista. E nei calici la passione della famiglia Rossi.
di Michele Luongo

 

Gualdo dal Re, vini di qualità e progetto FTra le colline dell’alta Maremma in provincia di Livorno, troviamo Suvereto in Val di Cornia, che si caratterizza per una viticoltura fiorente, è una delle prime zone d’Italia a puntare sulla qualità del vino. Qui, Nico e Teresa Rossi hanno dato corso alla tradizione ed espresso con la Tenuta Gualdo del Re, una eccellenza enoica.

I vigneti sono situati in media collina a circa 100 m  s.l.m.  45 ettari dei quali 25 vitati, interessati dalla particolarità del microclima, ebrezza marina e macchia mediterranea. Una coltivazione che ha rispetto della natura, l’azienda Gualdo del Re è certificata bio, dall’organismo di controllo Bioagricert.

Nico e Teresa Rossi hanno passione autentica, un carattere che si incontra sul territorio, nei propri vini, e la collaborazione con l’enologa Barbara Tamburini né esalta la linea d produzione. Nove etichette dai bianchi ai rossi con uvaggi in purezza.

La degustazione ci regala piacevoli sorsi. “Valentina” Vermentino, IGT Costa Toscana,2018, complessità e freschezza. “Eliseo” IGT Bianco Toscano,2018, si lascia bere. “Shiny” IGT Costa Toscana Rosato, 100% Aleatico, 2018, decisamente una novità per i rosati, è pulito, persistente. “Eliseo” IGT Toscana Rosso, 2016, un brand 60%Snagiovese, 20%merlot, 20%Cabernet Sauvignon, frutti rossi e note speziate, vivace con ottima struttura, bello, pieno. “Senzansia” IGT Costa Toscana Pinot Nero, 2016, elegante la bottiglia con etichetta di carta nero che la incarta. Sentori intensi frutta matura, ciliegia. Ha bella acidità e lascia la bocca pulita con finale lungo. Un bel vino, elegante.

La degustazione procede con “Il Gualdo” DOCG, Suvereto, Sangiovese, 2013, emerge tutta la peculiarità del Sangiovese, profumi intensi, ciliegia, viola, tabacco, pieno e ottimi tannini. “Cabraia”IGT rosso Toscano, 2016, Cabernet Franc e 15% Cabernet Sauvignom, equilibro e morbidezza intenso, progressivo. “I Rennero” DOC Val di Conia Suverato, 100% Merlot, 2011. Magnifico. In bocca è piacevole sinfonia di sensazioni che si sprigionano dal rosso rubino intenso. Sul finale note balsamiche, ha eleganza e persistenza.

Vini, quelli di Gualdo del Re che sottolineano uno standard della qualità. Una ricerca continua dalla quale fiorisce il progetto “F”, il Super Merlot Gualdo del Re. Una selezione rigorosa delle uve, vigna di 20 anni, vendemmia 2015, assoluta meticolosità per ogni passaggio. 2000 bottiglie in vetro soffiato, numerate, esclusive, realizzate dalla famosa vetreria di Carlo Moretti di Murano.

Due eccellenze, che si uniscono per un vino speciale, il Merlot di Gualdo del Re. 1000 euro per bottiglia e l’interesse dei collezionisti non si è fatto attendere. Prenotazione, scelta del numero e incisione manuale, visibile in diretta streaming dal caveau che ospita e protegge le preziose bottiglie.

Gualdo Del Re, accoglie gli appassionati presso il proprio ristorante con menù di stagione con lo chef Andrea Nocciolini. L’azienda offre una splendida location resort con nove camere -appartamento, arredate con gusto e attrezzate di moderna tecnologia, in un oasi di verde, parco e piscina, ideale per rilassarsi e visitare la splendida campagna Toscana.

Gualdo Del Re
Località Notri, 77, 57028 Suvereto LI
Telefono: 0565 829888 – https://www.gualdodelre.it/   – www.progettof.it

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (31/05/2019)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini