Alla Sicilia la Migliore Gigantografia Vinitaly 2019

3 votes
image_pdfimage_print

Alla Sicilia la Migliore Gigantografia Vinitaly 2019, e il Migliore Stand all’Insieme dell’Emilia Romagna, dove si recepisce una piacevole sensazione che invita alla convivialità. Un crescente interesse per il design degli stand
di Michele Luongo

 

Alla Sicilia la Migliore Gigantografia Vinitaly 2019
Vinitaly 2019,Padiglione esterno Sicilia

Alla Sicilia la Migliore Gigantografia Vinitaly 2019.  Vinitaly una grande kermesse internazionale, una meravigliosa vetrina che di anno in anno oltre che interessare i mercati globali del vino ha visto crescere proprio nei produttori italiani la consapevolezza della grande possibilità che offre la sempre più all’avanguardia piattaforma che riesce ad offrire servizi a 360 gradi.

Il vino italiano ha raggiunto ottimi livelli di standard di qualità, divenendo uno dei maggiori prodotti del Made in Italy più apprezzati all’estero. Da anni ci piace seguire l’evolversi della presentazione degli stessi produttori con i propri stand a Vinitaly. Così abbiamo potuto constatarne con piacere la continua ricerca e cura per il design.

Alla 53° Edizione di Vinitaly 2019, svoltasi a Verona dal 7 al 10 aprile, che ha visto la presenza di 125mila visitatori provenienti da 145 nazioni, i produttori hanno posto particolare accuratezza nella realizzazione degli stand, facendo crescere di molto il fascino dello spazio di accoglienza. Molti delle “grandi” aziende hanno incominciato a capire dell’importanza di aprire quei “scatoloni chiusi” con are dedicate alla degustazioni e al business, in fiera abbiamo assistito a una migliore ed evidente trasparenza degli stand.

Decisamente un grande salto qualitativo per gli stand, linearità, luce, comfort, caratteristiche perseguite dalla maggior parte delle aziende. Abbiamo riscontrato l’ottima soluzione mezza in atto al Palexpo Lombardia, incominciando sin dal mattino a staccare l’afflusso dei visitatori, permettendo una migliore visibilità e rapporto con i produttori; qui ci sono piaciuti molti gli stand del Lugana, curati, aperti come piccoli salotti, bar. Bella linearità quelli della Puglia, del Veneto, della Toscana, della Sicilia, belli, spaziosi, eleganti, e del Piemonte, ottime le conferme della nuova linea intrapresa dalla Sardegna e dalla Calabria, strada da perseguire. Invece solo due righe per il poco interesse trasmesso dagli stand del Lazio, troppa uniformità e poco appeal.

Ci piace segnalare lo Stand de La Collina dei Ciliegi, moderno, curato e molto funzionale. E quello dell’Allegrini, dedicato al Giappone con richiami floreali e iconografie artistiche di Kanji e versi haiku. E dell’Azienda d’arredo Tosato Verona che ha presentato a Vinitaly uno stupendo tavolo rotondo contenente, sotto il vetro, delle bottiglie.

Un apprezzamento va alla Coldiretti che ha realizzato un piccola area tra i padiglioni con una bacheca contenente le terre d’Italia, e tenuto vari incontri e degustazioni.

Alla Sicilia la Migliore Gigantografia Vinitaly 2019
Vinitaly, interno padiglione Emilia Romagna

Sempre più difficile affermare quale sia stato il migliore Stand a Vinitaly, il livello si è alzato molto nella cura del design; la nostra segnalazione per il Migliore Stand, quest’anno va all’Insieme degli Stand del Padiglione Emilia Romagna. Entrare nel padiglione si ha da subito un immediata immagine di forte impatto, lo sguardo è estasiato con una piacevole sensazione che invita alla convivialità, dal soffitto scendono innumerevoli stendardi con le scritte dei vitigni del territorio che con gli stand che trasmettono un tutt’uno a descrivere il significato di un itinerario rappresentativo dell’Emilia Romagna. Bravi!

Per i Padiglioni, immagine esterna, la bella conferma della gigantografia del Veneto, mentre quella della Puglia trasmette una immagine spenta e quella del Lazio è troppa, la scritta copre il tutto. Quella della Campania i colori non trasmettono e la scritta sembra copiare quel del Lazio per grandezza. Bene la Toscana, design di colore e scritta curata per il Consorzio del Chianti, prende subito all’occhio. Bene anche quello della Sardegna, forse qualche vigneto in più. La segnalazione per l’immagine della Migliore Gigantografia dei Padiglioni esterni 2019, va alla Sicilia. Di assoluto impatto visivo, perfetta proporzione uva, calici, bottiglie, scritta e sculture, una vera opera d’arte che si lascia ammirare, che racconta, che invita. Complimenti!

La 53° Edizione di Vinitaly 2019, svoltasi a Verona dal 7 al 10 aprile, ha visto la presenza di 125mila visitatori provenienti da 145 nazioni, che hanno visitato 12 padiglioni, un Palexpo, Centro Congressi, Padiglione A-B-C-D-F, Mippaft, Vinitaly Enolitech, Vinitalydesign, Vinitalybio, e aree specificità, per 4600 espositori, una bella e magnifica vetrina internazionale, che dà appuntamento al prossimo anno per la 54a Edition dal 19 al 22 aprile 2020. (   http://www.veronafiere.it/  –  www.vinitaly.com   ) 

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (23/04/2019)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini