Theodor Falser, Taste Nature Forest Edition

6 voti
image_pdfimage_print

Taste Nature Forest Edition, con lo Chef Theodor Falser, immersi nella natura, tra scorci di paesaggi unici, gusto, sapori, convivialità per una straordinaria esperienza gourmet
di Michele Luongo

 

Theodor Falser, Taste Nature Forest EditionTheodor Falser, Taste Nature Forest Edition. Il contatto con la natura ci regala scorci di paesaggi unici, emozionanti, esclusivi che ci restano nel cuore e diventano indimenticabili. Una ricchezza dalla quale lo Chef Theodor Falser, una stella Michelin, Ristorante Gourmet Johannesstube, all’Hotel Engel di Nova Levante in Alto Adige, attinge ogni giorno per la creazione dei suoi piatti, con la preferenza della scelta dei prodotti del territorio.

 La natura per lo chef Theodor Falser, è un attenzione che va oltre, è qualcosa che si ha nel cuore, così a seguito della tempesta dello scorso dicembre che ha distrutto boschi e sradicato alberi per decine e decine di milioni di danni, parte l’iniziativa: “Taste Nature, Forest Edition”, un rispettoso omaggio alla natura, al bosco.

Lo Chef, ha invitato, per una due giorni d’insieme, la stampa nazionale, accompagnandola personalmente presso i produttori locali dai quali si serve per la sua cucina. E ci sorprende quando poi, scopriamo che il contadino Michael, ha solo 21 anni, ha avviato una azienda agricola col sistema della Permacultura, ecosostenibile, seguendo il ciclo naturale della natura. E’ straordinaria la dignità, la passione, la professionalità e l’amore che pone per la produzione dei suoi prodotti, troviamo varie tipi di insalate, di aromi, verdure ai più sconosciute, come ad esempio una superlativa “acqua di pepe”, un erba che ha un piccante unico, o l’ “erba ostrica” le cui foglie ci rimandano sbalorditamene al sapor dell’ostrica di mare, ed ancora, frumento, ortaggi, animali da cortile, ecc.

Theodor Falser, Taste Nature Forest EditionL’esclusive “Taste Nature, Forest Edition”, a 1600 m.s.l.m. nel bosco, circondati dalla verdeggiante natura, con lo sfondo delle Dolomiti del Gruppo del Catinaccio, lo chef Theodor Falser, unitamente al suo staff, per l’occasione ha realizzato un “ristorante nel bosco”, elegante con tavoli con tovaglie bianche, muschio e fiori, addirittura il menù in una cornice di muschio e pezzettini di bosco, un solo fine, l’attenzione per la natura, e da qui, mentre prepara il menù con una semplice stufa a legna, e con  un piccolo fuoco di legna,  ci spiega le caratteristiche del bosco, e il rispetto che questo merita.

Sembra vivere un sogno, una fiaba, intanto camerieri con giacca e cravatta, e con una forchetta di legno e muschio all’occhiello, ci serve calice di benvenuto Kalkspitz di Christoph Hoch, vino leggermente frizzante ottenuto con rifermentazione naturale in bottiglia, di Grüner, Veltliner, Riesling. Sorseggiando si passeggia nel bosco, si conversa, s’interagisce con lo chef. Intanto a passaggio in bicchieri neri, su sale bianco, fette spesse di ravanello, verdure croccante marinate. E su pezzo di legno, patate arrostire con caviale di salmerino e fiori.

Theodor Falser, Taste Nature Forest Edition

Sul tavolo pane nero e bianco, caldo, burro, formaggio cremoso alla rapa rossa, olio biologico, di semi di zucca, una preziosità.  “Poke Dolomites”, acetosa, carciofo di montagna e cavolo rapa, foglie d’ostrica, caviale di Salmerino, servito su pietra nera di ardesia, intensità dei sapori e bella presentazione.

Con il “Porro”, con cipolla fritta, caviale di salmerino, olio di cumino nero, una squisita croccantezza. In abbinamento il Private Cuvée Andreas Huber, Pacher Hof, intenso e minerale.

Piccole chicche culinarie, creazioni con attenzione ai dettagli, tutto nell’assoluta semplicità, senza aiuto della tecnologia, la sola maestria e passione dello Chef Theodor Falser, che si muove in perfetta simbiosi con la natura circostante.

Il “Risotto all’ortica, guancia di cervo” la perfetta cottura, il profumo dell’ortica, la croccantezza del fusto erbaceo della pastinaca, la consistenza della guancia di cervo con il tocco del vino Lagrein, e la polvere di lampone essiccato, un equilibro che rendono la portata di gusto eccellente.

Il fuoco, reso amico dallo Chef, ha il suo antico fascino, invita a raccogliere intorno a sé gli ospiti, e il “Midollo alla brace” diviene una eccellente e succulenta portata, con velo di cipolla e carciofo di montagna. Nel calice il Merlot Roberto Ferrari, morbido e rotondo.

Theodor Falser, Taste Nature Forest EditionDicevamo del fuoco, quella piccola fiammella che riesce a dare in mille circostanze il sorriso della convivialità, è l’effetto grigliata. La creatività e la sapienza dello chef la si vede all’opera, su una pietra calda vicina a quel fuoco, gira e rigira con assoluta padronanza le fatte di carne di manzo grigio alpino. “L’Entrecôte” ha cottura perfetta, e quel sapore unico, inconfondibile che solo il fuoco riesce a dare, radici di tuberi, topinambur, per un gustoso effetto gourmet.

Lo spettacolo della natura che ci circonda è al centro delle nostre conversazioni, il fuoco amplifica la convivialità e lo chef con dei bastoncini di legno, coinvolge gli ospiti con un creativo e gioioso pre-dessert, marshmallow barbecue. Il dolce, dalla semplicità delle “Patate dolci” con flambé con grappa al riesling, asperula e sciroppo di pino mugo, un impeto di sapori, ideale per terminare, il “Taste Nature, Forest Edition”. 

Non possiamo che fare i complimenti allo Chef Theodor Falser, per l’iniziativa, davvero geniale, e invitarlo a riproporla per la prossima stagione, magari con un appuntamento settimanale, naturalmente su prenotazione, dove gli ospiti possono godere di una vera esperienza di emozione gourmet, tra scorci di paesaggi unici con cibo genuino, immersi nella natura, e con piccoli gesti imparare l’importanza del suo rispetto. 

Hotel SPA & Gourmet Resort Engel – Famiglia Kohler
Via San Valentino 3 – 39056 Nova Levante (BZ )
Tel. +39 0471 613131   – http://www.hotel-engel.com/ 

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (20/07/2019)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini